Blog

dolci di carnevale

Castagnole di Carnevale

Carnevale, a casa mia, è sempre stato sinonimo di castagnole. La ricetta che utilizziamo è sempre la stessa di circa venti anni. A noi piacciono piccole e aperte, spaccate, dovute alla presenza del bicarbonato che in frittura le fa gonfiare ed aprire. Devo ammettere che la perfezione non fa proprio al caso nostro, neanche mentre prepariamo i dolci.

SONY DSC

 

La ricetta è semplicissima, io uso la friggitrice per farle cuocere ma potete benissimo usare una padella alta ricca di olio.

  • 200 gr di farina
  • 2 Uova
  • 50 gr di zucchero semolato
  • 50 gr di burro morbido
  • Un pizzico di bicarbonato
  • Un pizzico di sale
  • Un cucchiaio di liquore a vostra scelta
  • Olio di arachidi per la frittura
  • Zucchero a velo q.b. per spolverare le castagnole

Buon appetito!

dolci di carnevale, Senza categoria

Le chiacchiere di Iginio Massari

Per la prima volta, dopo anni ed anni di castagnole, ho deciso di provare le chiacchiere. Come ricetta ho scelta quella di Iginio Massari, che si trova online un po’ ovunque e che vi copierò anche qui. Il procedimento è molto semplice, io ho impastato inizialmente con la planetaria e poi a mano, ma se vi trovate meglio potete fare tutto direttamente alla vecchia maniera.

4c.jpg

La ricetta, di Iginio Massari, è questa:

500 g di farina manitoba
60 g di burro morbido
60 g di zucchero
175 g di uova (circa 3/4 uova)
5 g di sale fino
50 g di marsala
la buccia grattugiata di un limone (o aroma a vostra scelta)
olio di arachide per friggere q.b.
La temperatura perfetta per friggerle, in abbondante olio, è di 176°.
Le chiacchiere sono buonissime, buon appetito!
Senza categoria

I dolci di San Valentino

I dolci per San Valentino sono sempre un dilemma. Ogni anno le solite indecisioni: quale faccio? Uso la pasta di zucchero o la panna? Insomma, alla fine ho optato per i miei amati cupcakes, dei biscotti decorati e delle mezze sfere glassate con cioccolato fondente.Intanto eccovi una foto dei biscotti. Era la mia prima volta con la ghiaccia, ho seguito passo passo il tutorial della bravissima Sweet Ambs (che trovate qui). Lei è ad un livello altissimo, io ci ho provato, mi sono divertita e tutto sommato non sono venuti malissimo. Sicuramente la prossima volta verranno meglio. E’ molto importante la consistenza della ghiaccia, non deve essere troppo liquida ma neanche troppo compatta. Ma una volta presa la mano vedrete che non riuscirete più a farne a meno.

E voi, cosa avete preparato o mangiato di buono?

given1

Senza categoria

Ci siamo: benvenuti su Given to Bake!

Given to Bake nasce dalla necessità di voler condividere con voi i miei dolci, biscotti e cupcakes. Non sono una professionista, ho fatto un solo corso da Maitre Chocolatier, ma era più che altro per  mangiare tutta la cioccolata durante le ore di lezione. La mia è una passione, che spero un giorno possa diventare il mio lavoro. Per il momento spero vi piacciano le mie foto, le mie ricette e i miei consigli. Insomma, benvenuti su Given to Bake!